Mercoledì 10 Marzo 2004  22:13 Questa testata aderisce all'anso  

 NEWS
Cronaca
Attualità
Politica
Economia
Lavoro
Sport

 RUBRICHE
Racconti Brevi
Cultura
Personaggi
Spettacoli
Passeggiando
Curiosità

 FOCUS
Editoriale
Interviste
Primo Piano
Speciale
Foto Gallery
  Domenica 5 Aprile 2020CURIOSITà Scrivici 
Mercoledì 10 Marzo 2004  22:13
NELLE SCUOLE PARTE RICICLABILANDIA
NELLE SCUOLE PARTE RICICLABILANDIA
di alberto sordi

Coinvolte 61 classi di elementari e materne con 1100 bambini di 14 comuni

Quarta edizione per “Riciclabilandia”, il progetto di educazione ambientale promosso e realizzato dall’Assessorato all’Ambiente della Provincia che porta direttamente fra i bambini delle scuole elementari e materne del territorio provinciale il mondo del riciclaggio dei rifiuti. Quattro le aree del territorio provinciale coinvolte: quella della Piana fiorentina; quella del Mugello, quella della Val di Sieve; quella infine del Valdarno. 61 le classi partecipanti, con un incremento del 30% rispetto alla precedente edizione, distribuite in 14 Comuni: Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Calenzano, Signa, Vicchio, Borgo San Lorenzo, Pontassieve, San Godenzo, Londa, Rufina, Incisa, Figline, Rignano e Reggello, per un totale di 1100 bambini coinvolti con i rispettivi genitori. “Obiettivo di Riciclabilandia – spiega l’assessore provinciale all’ambiente Riccardo Gori - è insegnare ai bambini, e attraverso di loro alle famiglie, a fare la raccolta differenziata dei rifiuti utilizzando un percorso educativo per tappe che prevede la conoscenza dei servizi di raccolta differenziata e il riconoscimento delle singole tipologie di materiali e punta a correggere eventuali errori che i cittadini sono portati a fare”. L’idea base su cui nasce e poggia il progetto è una grande città fantastica, “Riciclabilandia” appunto, in cui gli abitanti sono tutti impegnati per la salvaguardia dell’ambiente, con particolare attenzione al riciclaggio dei rifiuti e al reimpiego e riutilizzo delle risorse. Il progetto è diviso in fasi. Si parte con corsi di formazione per gli insegnanti. C’è poi svolgimento delle attività nelle scuole, durante il quale i bambini imparano a riconoscere le tipologie di rifiuti destinati al riciclaggio, a distinguere i vari tipi di cassonetto, a capire l’importanza delle raccolte differenziate per il territorio e la salvaguardia ambientale, a fare concretamente le raccolte differenziate. Durante il percorso le classi realizzano un lavoro collettivo, un “quaderno-diario” che documenta le attività svolte attraverso foto, immagini e testi. Infine il lavoro si conclude con una festa finale nell’ambito della quale la compagnia Pupi e Fresedde presenterà lo spettacolo teatrale “Il Riciclone”. Le attività nelle classi sono partite in questi giorni. Agli insegnanti la Provincia ha distribuito delle apposite dispense. Materiale informativo viene distribuito anche a tutte le famiglie dei bambini coinvolti.

Mercoledì 10 Marzo 2004  22:13


Stampa la notizia Invia ad un amico Inserisci commento

Ricerca personalizzata

RILEGGERE LORENZ AL TEMPO DELL'EPIDEMIA

PANDEMIA E CAPITALISMO TERMINALE. LA TRAPPOLA DEL MES

RINGRAZIA UN DOCENTE

IL BUON SENSO CHE VIENE DA PREDAPPIO

CONAD-AUCHAN, SI RIDUCE A 154 IL NUMERO DEI NEGOZI ACQUISITI DAL CONSORZIO DI DETTAGLIANTI

IL CIGNO NERO DELLA GLOBALIZZAZIONE

NAVIGARE NECESSE EST: BUON ANNO!
 
    

home | editoriale | interviste | primo piano | speciale | riferimenti | privacy | scrivici
Copyright © 2004 05 CONSULTA-FASTMEDIA - Tutti i diritti riservati