Sabato 28 Febbraio 2004  22:08 Questa testata aderisce all'anso  

 NEWS
Cronaca
Attualità
Politica
Economia
Lavoro
Sport

 RUBRICHE
Racconti Brevi
Cultura
Personaggi
Spettacoli
Passeggiando
Curiosità

 FOCUS
Editoriale
Interviste
Primo Piano
Speciale
Foto Gallery
  Domenica 23 Febbraio 2020POLITICA Scrivici 
Il simbolo dell'organizzazione Sabato 28 Febbraio 2004  22:08
LA LISTA INDIPENDENTE AI GIOVANI DI FORZA ITALIA
LA LISTA INDIPENDENTE AI GIOVANI DI FORZA ITALIA


Luciano Bucci, Consigliere Comunale di Montevarchi scrive una lettera che riproponiamo integralmente.

Saluto con piacere il fatto che un partito politico come Forza Italia, accusato da più parti di avere scarso radicamento sul territorio, faccia sentire la propria voce tramite i suoi giovani aderenti. Saluto con altrettanta soddisfazione la vostra apertura al confronto che è, evidentemente, rivolta alla Lista Indipendente; personalmente, e il vostro Capogruppo Benini può esserne buona testimone, mi sono sempre adoperato per finalizzare in modo proficuo quella sinergia a cui fate riferimento. L'esperienza amministrativa della Lista Indipendente, di cui mi risulta alcuni di voi hanno anche fatto parte, è a disposizione di tutti coloro che si adoperano per l'alternativa alla sinistra a Montevarchi e nel Valdarno. Quando abbiamo stigmatizzato le prese di posizione del vostro Gruppo Consiliare, nel quale tra l'altro si sono registrati evidenti distinguo, rispetto alle votazioni sulle aree verdi di viale Matteotti e via Montenero, lo abbiamo fatto animati proprio da quella che dite essere la vostra stessa speranza: far riprendere alla città quel ruolo primario in capo sociale, economico e culturale che le compete e che per decenni ha rivestito. Non si tratta di dare lezioni ma, bensì, di stigmatizzare scelte che da una parte (viale Matteotti) sono andate a prevedere concentrazioni volumetriche su terreni che costituiscono la naturale appendice del parco di Piazza della Repubblica e che dovevano essere salvaguardati per quella vocazione o, come nel caso di via Montenero, di non chiudere l'ultimo corridoio infrastrutturale esistente nel corpo della città. Era il solo propedeutico a garantire lo smaltimento di importanti flussi veicolari e sopperire alla carenza di aree di sosta, almeno per i prossimi anni, considerato che questo comune è stato trascinato in una posizione debitoria che non gli consentirà nuovi interventi infrastrutturali in tal senso; mi riferisco alla realizzazione del nuovo Ponte sul Dogana e viabilità di collegamento per allacciare l'accesso Nord della città con lo svincolo della futura variante alla 69 in zona Case Romole. Se le difficoltà della sinistra, che purtroppo si traducono in handicap per la città, sono evidenti è anche e soprattutto perché la Lista Indipendente ha condotto 20 anni di battaglie fuori dalle logiche delle appartenenze, delle tessere e delle poltrone, battaglie che non costituiscono lezioni ad alcuno ma, bensì, debbono rappresentare la radice dell'esperienza dalla quale partire per proporsi quale alternativa democratica alla guida della città. Termino salutandovi con affetto e stima, ricordandovi che l'egemonia nel governo della città da parte della sinistra si è interrotta, rappresentando un caso unico nel Valdarno, un decennio or sono, per lo spirito di sacrificio di tanti uomini e donne che 20 anni or sono si ritrovarono nella Lista Indipendente, pagando spesso di persona quella loro appartenenza.

Sabato 28 Febbraio 2004  22:08


Nella foto: Il simbolo dell'organizzazione


Stampa la notizia Invia ad un amico Inserisci commento

Ricerca personalizzata

LA FIORENTINA NON È UNA .........

86 ANNI FA A PARIGI

RINGRAZIA UN DOCENTE

IL BUON SENSO CHE VIENE DA PREDAPPIO

CONAD-AUCHAN, SI RIDUCE A 154 IL NUMERO DEI NEGOZI ACQUISITI DAL CONSORZIO DI DETTAGLIANTI

L OLOCAUSTO DI DRESDA

NAVIGARE NECESSE EST: BUON ANNO!
 
    

home | editoriale | interviste | primo piano | speciale | riferimenti | privacy | scrivici
Copyright © 2004 05 CONSULTA-FASTMEDIA - Tutti i diritti riservati