Sabato 11 Aprile 2020  19:39 Questa testata aderisce all'anso  

 NEWS
Cronaca
Attualità
Politica
Economia
Lavoro
Sport

 RUBRICHE
Racconti Brevi
Cultura
Personaggi
Spettacoli
Passeggiando
Curiosità

 FOCUS
Editoriale
Interviste
Primo Piano
Speciale
Foto Gallery
  Mercoledì 3 Giugno 2020ATTUALITà Scrivici 
Sabato 11 Aprile 2020  19:39
LA TRAPPOLA DEL MES
LA TRAPPOLA DEL MES


MES: TRADITORI IERI TRADITORI OGGI TRADITORI SEMPRE.

Di fronte al dramma di un’Italia lasciata a se stessa come cavia mondiale di una pandemia, cosa fanno gli eredi del tradimento del 1943/1945, dell’asservimento allo straniero dell’ovest e dell’est e cioè gli eredi dei comunisti e dei democlericali (leggi PD)?

Continuano, come sempre, a servire interessi stranieri o comunque contrari alla nostra storia e civiltà, quella che è stata celebrata non a caso da un americano, Ezra Pound. L’Italia del 1900 non è mai stata una nazione povera, anzi era diventata negli anni venti trenta ed anche quaranta un faro per il mondo intero: città, opere pubbliche, arte, cultura, scienza, aeronautica, navigazione primeggiavano.

Anche nel campo sanitario, l’Italia era un esempio nella lotta contro le malattie: chi pontifica oggi dallo Spallanzani di Roma e dal Sacco di Milano, non sarebbe male ricordasse chi li ha istituiti.

L’Italia della II Guerra mondiale aveva sì perso molti suoi soldati (ma non fu una ecatombe come per i tedeschi ed russi), ma la sua forte struttura civile ben poco subì dalla guerra nonostante i crimini degli angloamericani e dei loro (pochi ed ininfluenti) complici partigiani (leggetevi Pisanò Pansa e Stella di “Compagno mitra” per capire, se ancora ce ne fosse bisogno). Insomma l’Italia, nel 1945, era intatta nelle sue industrie, nella sua agricoltura e questo soprattutto grazie alla difesa del territorio, delle istituzioni e delle leggi attuato dalla RSI (ancora oggi abbiamo i codici civili e penali di quegli anni, la scuola di Gentile, l’urbanistica di Bottai…).

VINSERO GLI USURAI NEL 1945 VINCONO GLI USURAI OGGI.

Che la finanza sia stata la vera vincitrice della seconda (ma forse anche della prima) guerra mondiale è risaputo, anche perché le riconferme sono state infinite da allora: basti pensare al governo Prodi al governo Monti per arrivare al governo formalmente diretto da Conte ma sostanzialmente sempre diretto dagli eterni traditori clerico/comunisti del PD con retrogusto bergogliano.

Un’Italia nei secoli non ricca anzi ricchissima, a causa delle fazioni ed, appunto, dei tradimenti, si è fatta depredare ciclicamente, nei suoi XXI secoli di vita, sempre però rialzandosi: da grecoromana a rinascimentale a fascista, l’Italia ha conosciuto fasti che hanno abbagliato il mondo e la storia. Ma i predoni ci sono sempre stati: Franza o Spagna purché se magna…; la Mafia che porta gli americani in Sicilia, la Chiesa che spolpa gli Stati prima, lo Stato poi, i comunisti che, prima ammazzano migliaia di patrioti (leggi 25 aprile) e poi voolevano venderci a Stalin (leggi Togliatti). Eppure ancora oggi questi Italiani, pressoché ignari della propria ricchezza (ancora oggi superiamo in beni e danaro i tedeschi…), riescono ancora farsi spolpare dai nuovi sofisticati usurai: gli Olandesi, i Lussemburghesi ma anche i Tedeschi ed i Francesi tramite questa indegna Unione Europea, dove chi lavora non incassa perché gli incassi vanno a finire nelle tasche dei nullafacenti olandesi, lussemburghesi, francesi mentre i Tedeschi sfruttano le nostre grandi capacità nella meccanica e nella farmaceutica per metterci sopra il loro marchio e guadagnare anche loro sul nostro lavoro.

E passiamo pure da sfaticati noi che, con il nostro lavoro ed il nostro risparmio di dimensioni gigantesche, facciamo ricchi anche gli altri senza riuscire neanche a diventare poveri! Già, ma come si fa a diventare poveri se, pur con gli sciatti e grezzi soldati americani a Roma nel 1945, avevamo l’EUR, il Foro Mussolini, le oltre cento città di Fondazione, le terre da paludi diventate fertili, le strade, le autostrade, i porti e gli aeroporti, la Normale di Pisa, lo Spallanzani ed il Sacco, le colonie marine, le quaranta ore ed il sabato libero?

Ma i traditori sono ancora qua ed hanno un’altra occasione, la terza guerra mondiale scatenata dal Covid (l’altra la scatenarono le suicide Francia ed Inghilterra) e questa guerra, in Italia, sta facendo più morti della seconda (Aprite Wikipedia e fate due conti: in 60 giorni i morti civili sono già un quinto dei morti dei 6 anni della seconda guerra mondiale!).

Ma i traditori gongolano ed ancora una volta si fingono, pur essendo complici del nemico di sempre (la finanza), “liberatori”, cioè ci vogliono liberare della nostra libertà, della nostra indipendenza, ci vogliono schiavi dei quattro gnomi della finanza europea che non rappresentano nessuno, ma manovrano il consenso controllando Repubblica, il Corriere, Die Welt, Financial Times, Faz, WSJ, Sky e così via.

Che poi ci siano i soliti idioti, leggi 5 stelle e Forza Italia che, per motivi diversi, abbozzano, è la storia che ce lo spiega: i cattolici stavano con i feroci partigiani comunisti e si facevano allegramente ammazzare perché comunque volevano poi banchettare insieme a loro… Così sperano oggi, non si sa per quanto, i 5 stelle e Berlusconi.

Più abili di noi non sono solo gli usurai Olandesi ma persino i vituperati Tedeschi, che forse usurai non sono, ma possono fare quello che vogliono perché l’euro è lo pseudonimo del MARCO, anzi sarebbe meglio finirla con questa farsa e chiamarlo di nuovo marco, perché tale è sempre stato.

La Germania non ha più cannoni, non può più averli per la damnatio che la perseguita, ma ha il marco, cioè l’euro, e con questa arma si accontenta di vendicarsi dei cosiddetti vincitori della seconda guerra mondiale, umiliandoli con l’arma dell’economia. Ma è una misera soddisfazione: può sembrare una astuta strategia, ma basta un battito di ciglia delle banche sioniste a sbatterla in un angolo.

La grassa Germania non può ritornare libera solo perché forte economicamente: è una tragica illusione, sarà solo strumento dei potenti usurai che dominano l’Europa ed il mondo. Della Francia è persino inutile parlare perché che sia dominata dalla finanza internazionale, Rothschild in testa, lo sanno anche in qualsiasi bar (peccato che siano chiusi, però…).

Questa volta gli Italiani forse l’hanno capito, anche se i sondaggi li dirigono contro la Germania, ma questo si spiega perché non è facile per nessuno capire che, sopra la Germania, ci sono forze che dominano il mondo e quindi anche la Germania, forze che, da qualche secolo, se la ridono dei popoli, li fanno massacrare fra di loro mentre ingrassano, creano imperi finanziari di fronte ai quali persino la Germania è un insetto.

Per questo è bene guardare oltre, dove tirano le fila: in Olanda, Lussemburgo, la City londinese, Wall Street, Tel Aviv e capire che questa volta, prima di diventare schiavi, possiamo denunciare il MES, i suoi servi cattocomunisti italiani, dare un colpo di reni in onore della nostra storia secolare e dare un esempio non solo a questa Europa di schiavi ma al mondo intero.

W l’Italia!

Sabato 11 Aprile 2020  19:39


Stampa la notizia Invia ad un amico Inserisci commento

Ricerca personalizzata

A 75 ANNI DALLE INFAMIE

COSA C’È DA RICORDARE

RINGRAZIA UN DOCENTE

IL BUON SENSO CHE VIENE DA PREDAPPIO

CONAD-AUCHAN, SI RIDUCE A 154 IL NUMERO DEI NEGOZI ACQUISITI DAL CONSORZIO DI DETTAGLIANTI

FINIS EUROPAE

NAVIGARE NECESSE EST: BUON ANNO!
 
    

home | editoriale | interviste | primo piano | speciale | riferimenti | privacy | scrivici
Copyright © 2004 05 CONSULTA-FASTMEDIA - Tutti i diritti riservati