Domenica 5 Gennaio 2020  08:39 Questa testata aderisce all'anso  

 NEWS
Cronaca
Attualità
Politica
Economia
Lavoro
Sport

 RUBRICHE
Racconti Brevi
Cultura
Personaggi
Spettacoli
Passeggiando
Curiosità

 FOCUS
Editoriale
Interviste
Primo Piano
Speciale
Foto Gallery
  Mercoledì 29 Gennaio 2020POLITICA Scrivici 
IL PALAZZO DEI GIORNALI A MILANO Domenica 5 Gennaio 2020  08:39
NAVIGARE NECESSE EST: BUON ANNO!
NAVIGARE NECESSE EST: BUON ANNO!


Per l’anno nuovo, noi prendiamo, quale parola d’ordine, il motto che prima di essere dell’anseatica Brema, fu di Roma imperiale: navigare necesse. Navigare non soltanto per i mari e per gli oceani. Che l’Italia di domani debba navigare va diventando verità acquisita alla coscienza italiana: non la croce vorremmo vedere sullo stemma nazionale, ma un’ancora o una vela. È assurdo non gettarsi sulle vie del mare, quando il mare ci circonda da tre parti.

Ci sono anche in questo campo dei “frigidi pessimisti” dall’anima perdutamente e irrimediabilmente libresca, che sollevano delle obiezioni e dei dubbi: poveri di spirito che saranno sorpassati dalla realtà dei fatti.

Ma per noi “navigare” significa battagliare. Contro gli altri, contro noi stessi. La nostra battaglia è più ingrata ma è più bella, perché ci impone di contare soltanto sulle nostre forze.

Noi abbiamo stracciato tutte le verità rivelate, abbiamo sputato su tutti i dogmi, respinto tutti i paradisi, schernito tutti i ciarlatani - bianchi, rossi, neri - che mettono in commercio le droghe miracolose per dare la “felicità” al genere umano. Non crediamo ai programmi, agli schemi, ai santi, agli apostoli; non crediamo soprattutto alla felicità, alla salvazione, alla terra promessa.

Non crediamo a una soluzione unica - sia essa di specie economica o politica o morale - a una soluzione lineare dei problemi della vita, perché - o illustri cantastorie di tutte le sacrestie - la vita non è lineare e non ridurrete mai a un segmento chiuso fra bisogni primordiali. Ritorniamo all’individuo.

Appoggeremo tutto ciò che esalta, amplifica l’individuo, gli dà maggiore libertà, maggiore benessere, maggior latitudine di vita; combatteremo tutto ciò che deprime, mortifica l’individuo.

Due religioni si contendono oggi il dominio degli spiriti e del mondo: la nera e la rossa. Da due Vaticani partono, oggi, le encicliche: da quello di Roma e da quello di Mosca. Noi siamo gli eretici di queste due religioni. Noi, soli, immuni dal contagio. L’esito di questa battaglia è, per noi, d’ordine secondario. Per noi il combattimento ha il premio in sé, anche se non sia coronato dalla vittoria.

Il mondo d’oggi ha strane analogie con quello di Giuliano l’Apostata. Il “Galileo dalle rosse chiome” vincerà ancora una volta? O vincerà il Galileo mongolo del Kremlino? Riuscirà ad attuarsi il “capovolgimento” di tutti i valori, così come avvenne nel crepuscolo di Roma? Gli interrogativi pesano sullo spirito inquieto dei contemporanei.

Ma, intanto, navigare necesse. Anche contro corrente. Anche contro il gregge. Anche se il naufragio attende i portatori solitari e orgogliosi della nostra eresia.

Da Il popolo d’Italia del 1 gennaio 1920

Domenica 5 Gennaio 2020  08:39


Nella foto: IL PALAZZO DEI GIORNALI A MILANO


Stampa la notizia Invia ad un amico Inserisci commento

Ricerca personalizzata

IN ITALIA LA LIBERTà È UNA OPINIONE

URBS AETERNA O URBS VATICANA?

RINGRAZIA UN DOCENTE

IL BUON SENSO CHE VIENE DA PREDAPPIO

CONAD-AUCHAN, SI RIDUCE A 154 IL NUMERO DEI NEGOZI ACQUISITI DAL CONSORZIO DI DETTAGLIANTI

GANGSTERISMO AMERICANO ED INTERESSE EUROPEO

NAVIGARE NECESSE EST: BUON ANNO!
 
    

home | editoriale | interviste | primo piano | speciale | riferimenti | privacy | scrivici
Copyright © 2004 05 CONSULTA-FASTMEDIA - Tutti i diritti riservati