Domenica 4 Novembre 2018  00:43 Questa testata aderisce all'anso  

 NEWS
Cronaca
Attualità
Politica
Economia
Lavoro
Sport

 RUBRICHE
Racconti Brevi
Cultura
Personaggi
Spettacoli
Passeggiando
Curiosità

 FOCUS
Editoriale
Interviste
Primo Piano
Speciale
Foto Gallery
  Domenica 18 Novembre 2018POLITICA Scrivici 
Domenica 4 Novembre 2018  00:43
IMAM INDAGATO AD UMBERTIDE
IMAM INDAGATO AD UMBERTIDE


Umbertide Mancini (LEGA): "Imam indagato? Valutare l’annullamento del Protocollo di intesa" “Dopo gli imam espulsi per terrorismo ora abbiamo imam indagati per risse come comparso sulla stampa umbertidese in questi giorni”.

Il riferimento del Consigliere regionale Lega, Valerio Mancini, è alla chiusura delle indagini da parte della Procura secondo cui il presidente dell’Associazione Centro culturale islamico Umbertide dovrà rispondere per rissa.

“E’ paradossale – spiega Mancini – che uno dei tre firmatari del protocollo di intesa che inneggia alla pace e all’integrazione risulti indagato per “ aver percosso un algerino spintonandolo colpendolo al volto e al corpo con pugni e calci anche mentre era a terra”, altrettanto surreale che il motivo del contendere tra i musulmani coinvolti nella violenta lite sia stata l’inutilità della mega moschea di Via Madonna del Moro, considerato che i fedeli umbertidesi erano, all’epoca dei fatti poche centinaia. Come Lega e in perfetta sintonia con il segretario cittadino Vittorio Galmacci, chiederò un ulteriore incontro al Prefetto per verificare se i punti salienti del protocollo d’intesa siano stati, fino ad oggi rispettati: se i sermoni del venerdì siano stati trasmessi in Italiano alla Prefettura, se ci sia stata una rendicontazione finanziaria trimestrale chiara e trasparente come sancito dal Protocollo stesso.

Tante le contraddizioni che avvolgono questa vicenda e che devono essere chiarite nel pieno rispetto dei cittadini e della loro sicurezza”. A mettere in discussione un protocollo d’intesa, mai digerito dalla Lega e dal consigliere regionale Valerio Mancini ci sono poi le premesse su cui poggia il documento e che riportiamo testualmente “ il sopra indicato documento è uno strumento di ispirazione ed orientamento sia per le amministrazioni sia per le organizzazione islamiche che va a coniugare pluralismo, legalità e sicurezza”.

“ Sicurezza e legalità – ribadisce Mancini- punti cardini di un’ intesa che ad oggi non vengono garantite visto i fatti di cronaca in cui è stato coinvolto il presidente dell’Associazione umbertidese. Qualora i requisiti richiesti vengano meno – conclude Mancini – auspico l’annullamento del Protocollo, firmato dall’ex sindaco Locchi e mai ratificato dal consiglio comunale”

Domenica 4 Novembre 2018  00:43


Stampa la notizia Invia ad un amico Inserisci commento

Ricerca personalizzata

4 NOVEMBRE UNICA FESTA NAZIONALE

IMAM INDAGATO AD UMBERTIDE

RINGRAZIA UN DOCENTE

FRANCIA: VINCERÀ IL MONDIALISMO

LE PIAZZE COLORATE E POLITICAMENTE CORRETTE

VENDEMMIA ROMA

BUSKER EFSTIVAL A CARPINETO ROMANO
 
    

home | editoriale | interviste | primo piano | speciale | riferimenti | privacy | scrivici
Copyright © 2004 05 CONSULTA-FASTMEDIA - Tutti i diritti riservati