Sabato 28 Luglio 2018  07:32 Questa testata aderisce all'anso  

 NEWS
Cronaca
Attualità
Politica
Economia
Lavoro
Sport

 RUBRICHE
Racconti Brevi
Cultura
Personaggi
Spettacoli
Passeggiando
Curiosità

 FOCUS
Editoriale
Interviste
Primo Piano
Speciale
Foto Gallery
  Lunedì 20 Agosto 2018POLITICA Scrivici 
Sabato 28 Luglio 2018  07:32
IL 25LUGLISMO
IL 25LUGLISMO


Nel momento in cui si spera che ci siano impulsi di indipendenza e difesa degli interessi nazionali, pubblichiamo alcune riflessioni sul pericolo sempre presente di cedimenti alle forze oscure che ancora dominano il mondo.

Roma. Il 25 luglio fu più grave dell’8 settembre. Non solo perché senza questo non ci sarebbe stato quello, ma perché fu un episodio più infido, ambiguo e sleale. Non c’è grandezza nel tradimento, ma almeno c’è chiarezza; non si può dire altrettanto per i cedimenti.

Il 25 luglio i beneficiati di Regime provarono invece a cavarsela alla spicciolata quando le cose si stavano mettendo male, e cercarono di farlo miserevolmente, salvando le apparenze. I risultati li conosciamo e li stiamo ancora pagando, non solo come conseguenze storiche ma nella mentalità acquisita e diffusa. Lo spirito del 25 luglio fu quello delle capriole e delle giravolte per sfuggire alle proprie responsabilità e all’ostilità altrui: si trattò dunque di disertare e tradire provando a salvare la faccia; fu, insomma, una dissociazione collettiva che spalancò un baratro.

Tra chi ritiene di essere in qualche modo figlio dell’esperienza fascista, il 25 luglio si celebra indisturbato ogni giorno, protetto dalla sindrome dell’8 settembre. Per tradire lo si deve fare a fondo, si dice, quando invece è sufficiente farlo solo un po’ perché la propria spina dorsale non sia più capace di stare eretta. Ma se gli strappi ottosettembrini, come l’articolo antifascista di AN a Fiuggi e il successivo rinnegamento di Gianfranco Fini, sono abbastanza pochi, il venticinqueluglismo è qualcosa con cui si fa i conti da sempre, ogni giorno. Si respira quello spirito ogniqualvolta vengono espresse condanne a leggi del passato, o dissociazioni dall’alleanza bellica con i tedeschi. E questi sono i cedimenti storici, dettati, esattamente come quelli del Gran Consiglio, dal desiderio indecente di farsi accettare da altri e di non entrare in contrasto con la morale corrente.

Non c’è solo la storia. Tutti gli impulsi sfrenati di andare nella direzione della cultura altrui rientrano in questa casistica. Tali sono i desideri di assecondare le vestali della sinistra facendo il verso alle loro forme di terzomondismo, di sessismo antivirile, di civismo moralista, di (anti)razzismo, fino a far propri i teoremi comunisti sullo stragismo fascista. Ma non tanto diverse sono le giravolte a destra, con le infatuazioni di Israele, della destra Wasp e con il rimasticamento del populismo qualunquista in ottica anti-europea, gettando così in un attimo nel cestino tutta la tradizione ideale, progettuale e di sangue di cui pure si dovrebbe in teoria essere figli.

Ovviamente tutto questo accade inconsciamente, meccanicamente, per riflessi condizionati. Si confonde quello che dovrebbe essere essenziale, ovvero la continua attualizzazione delle idee e delle posizioni, con la disinvoltura nei confronti dell’essenziale. Non si capisce che cambiare è una cosa e farsi cambiare è un’altra. Così si continuano a scaricare responsabilità e si provano a smussare le ostilità nel tentativo intimamente vigliacco di essere accolti e riconosciuti.

Di Gabriele Adinolfi (Noreporter.org)

Sabato 28 Luglio 2018  07:32


Stampa la notizia Invia ad un amico Inserisci commento

Ricerca personalizzata

IL 25LUGLISMO

DALLA CARTA DEL LAVORO AL CAPORALATO

RINGRAZIA UN DOCENTE

FRANCIA: VINCERÀ IL MONDIALISMO

LE PIAZZE COLORATE E POLITICAMENTE CORRETTE

LEGGE MANCINO LEGGE CRIMINALE

BUSKER EFSTIVAL A CARPINETO ROMANO
 
    

home | editoriale | interviste | primo piano | speciale | riferimenti | privacy | scrivici
Copyright © 2004 05 CONSULTA-FASTMEDIA - Tutti i diritti riservati