Domenica 11 Febbraio 2018  01:25 Questa testata aderisce all'anso  

 NEWS
Cronaca
Attualità
Politica
Economia
Lavoro
Sport

 RUBRICHE
Racconti Brevi
Cultura
Personaggi
Spettacoli
Passeggiando
Curiosità

 FOCUS
Editoriale
Interviste
Primo Piano
Speciale
Foto Gallery
  Lunedì 20 Agosto 2018POLITICA Scrivici 
Domenica 11 Febbraio 2018  01:25
I NEMICI D'ITALIA
I NEMICI D'ITALIA


I NEMICI D’ITALIA Che strana Italia. Nel giorno in cui si ricorda il martirio degli Italiani dell’Italianissima Istria e Dalmazia, massacrati dai partigiani comunisti di Tito, infoibati a decine di migliaia e costretti all’esodo a centinaia di migliaia, ebbene proprio in questo giorno migliaia di nemici interni della nostra Patria Italia si sono mostrati con arroganza ed hanno sparso odio in tutta Italia.

A Macerata, gli alfieri della sostituzione etnica e del meticciato hanno inneggiato alle foibe dimostrando, per chi non l’avesse ancora capito, che l’antifascismo è sempre stato della stessa pasta di quello comunista titino, cioè ferocemente anti italiano.

I nemici sono ancora fra noi e, se non li isoliamo definitivamente il 4 marzo, distruggeranno definitivamente la natura del nostro popolo che ha resistito a decenni di falsità storiche e di denigrazione delle nostre radici.

Ma non sono solo gli antifascisti a complottare contro la nostra identità, proprio oggi il Presidente del Consiglio, invece di celebrare il martirio degli Italiani d’Istria e Dalmazia, se ne è andato a celebrare la Comunità di sant’Egidio, vero cavallo di Troia dell’immigrazione, braccio armato della chiesa che opera per la distruzione della nostra identità nazionale. E c’era, con lui, persino Taiani, dimostrando così l’ambiguità di Forza Italia nella difesa degli interessi nazionali.

A Macerata, invece, c’erano altri amici di Berlusconi, anche se ora stanno con Renzi, cioè i radicali. I radicali non sono beceri antifascisti, ma sono anche più pericolosi in quanto mondialisti amici del complottista Soros, quel miliardario sionista che finanzia chi vuol distruggere le identità nazionali. Tanto per capirsi, Soros è ungherese ma in Ungheria non lo vogliono…

In Italia, invece, abbiamo la chiesa in casa e tutte le canoniche al servizio degli immigrati, gli amici di Soros al potere, la mafia nigeriana nelle nostre periferie, ma gli unici cattivi siamo noi italiani che non vogliamo diventare né africani né cinesi né meticci… e ci preoccupiamo almeno un po’ se qualcuno squarta una ragazza italiana…

Vogliono distruggere l’Italia e, con l’Italia, l’intera Europa.

E non ci vengano a dire che dobbiamo accogliere i rifugiati, altro atroce inganno: ci sono decine di milioni di persone in guerra, quale nazione potrebbe mai accoglierli?

Infatti, gli ipocriti mondialisti che ci fanno invadere dagli immigrati, chissà perché finanziano il feroce Erdogan per tenerne buoni qualche milione!

Smettano di prenderci per fessi, riprendiamoci l’orgoglio nazionale che è stato umiliato per 70 anni.

Domenica 11 Febbraio 2018  01:25


Stampa la notizia Invia ad un amico Inserisci commento

Ricerca personalizzata

IL 25LUGLISMO

DALLA CARTA DEL LAVORO AL CAPORALATO

RINGRAZIA UN DOCENTE

FRANCIA: VINCERÀ IL MONDIALISMO

LE PIAZZE COLORATE E POLITICAMENTE CORRETTE

LEGGE MANCINO LEGGE CRIMINALE

BUSKER EFSTIVAL A CARPINETO ROMANO
 
    

home | editoriale | interviste | primo piano | speciale | riferimenti | privacy | scrivici
Copyright © 2004 05 CONSULTA-FASTMEDIA - Tutti i diritti riservati