Domenica 10 Settembre 2017  10:33 Questa testata aderisce all'anso  

 NEWS
Cronaca
Attualità
Politica
Economia
Lavoro
Sport

 RUBRICHE
Racconti Brevi
Cultura
Personaggi
Spettacoli
Passeggiando
Curiosità

 FOCUS
Editoriale
Interviste
Primo Piano
Speciale
Foto Gallery
  Giovedì 23 Novembre 2017POLITICA Scrivici 
Domenica 10 Settembre 2017  10:33
10 SETTEMBRE 1943: ISERNIA DISTRUTTA
10 SETTEMBRE 1943: ISERNIA DISTRUTTA


In Italia si festeggiano, come si sa, le sconfitte.

C'è qualcuno che ha la sfacciataggine, da Ciampi in poi, di festeggiare persino l'8 settembre...

Nascondiamo invece i misfatti di chi, nel 1943, invase l'Italia dopo aver scatenato, Francia ed Inghilterra in testa ed Usa al seguito, la II guerra mondiale.

Uno delle migliaia di misfatti, fu la distruzione di Isernia, che avvenne il 10 settembre 1943 e che il sito Barbadillo.it giustamente ricorda.

Roma. Il 10 settembre 1943 doveva essere un giorno di festa per la città di Isernia. Due giorni prima, infatti, il maresciallo Badoglio, rappresentante del Regno d’Italia (o di ciò che ne rimaneva), aveva firmato un armistizio con gli anglo-americani. Fu invece il giorno più terribile della storia isernina.

Quel dieci settembre di 74 anni fa.

Quando a Isernia si scrive o si pronuncia il 10 settembre, un brivido percorre la schiena dei suoi abitanti. Anche se sono passati decenni e le vecchie generazioni hanno lasciato il posto alle nuove, il ricordo personale e familiare del tragico bombardamento di Isernia è ancora vivo. Tante famiglie hanno subito gravi perdite, sia materiali che affettive. Per una piccola cittadina certe ferite lentamente guariscono. Un monumento alle vittime di quel tragico giorno consacra la loro memoria e ogni anno la città si stringe nelle celebrazioni civili e religiose.

Una pioggia di bombe

Il 10 settembre del 1943 a Isernia piovve, ma non acqua bensì bombe. La notizia dell’armistizio di due giorni prima aveva rincuorato gli isernini: finalmente la guerra era finita e gli anglo-americani avrebbero riportato la serenità in città e nelle campagne circostanti...
Al contrario gli aerei inglesi e americani portarono morte e distruzione. Gli abitanti sventolavano fazzoletti bianchi e acclamavano i liberatori, vedendo gli aeroplani all’orizzonte: gli aerei erano invece in assetto da guerra, ma gli abitanti di Isernia non compresero cosa stesse accadendo. Dalle 10.20 alle 10.25, in soli cinque minuti, i bombardieri sganciarono sulla città 384 bombe da 500 libbre. Il lettore può immaginare cosa accadde. Due terzi della città vennero distrutti e le vittime si contarono a migliaia. Fu il caos e per giorni la situazione rimase in stallo.

Le ragioni di un massacro

Gli anglo-americani, in fatto di stragi, non si risparmiarono e si sa cosa fecero nel 1945: Dresda, Hiroshima e Nagasaki.
C’è da dire che Isernia occupava una posizione strategica fondamentale: era a pochi chilometri dalla linea Gustav e le sue infrastrutture (viadotti, la linea ferroviaria…) permettevano rapidi spostamenti dal Mar Adriatico al Mar Tirreno e viceversa. Si spiegò l’accaduto con la strategia militare: era necessario tagliare le vie comunicazioni che passavano per Isernia, sabotando la ritirata tedesca. Paradossalmente il centro abitato fu distrutto e il viadotto Cardarelli, il principale ponte isernino, rimase in piedi.

Gli isernini hanno sempre voluto ricordare e conservare la memoria di ciò che avvenne. La speranza è che altri episodi simili possano essere un giorno ricordati degnamente.

Da Barbadillo.it

Domenica 10 Settembre 2017  10:33


Stampa la notizia Invia ad un amico Inserisci commento

Ricerca personalizzata

VIE DEL CIOCCOLATO A SAN GIOVANNI

MONTEVARCHI UNA DELLE 100 METE ITALIANE

RINGRAZIA UN DOCENTE

FRANCIA: VINCERÀ IL MONDIALISMO

TORNA IN CITTA’ L’UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE

AGRITURISMO SOTO SEQUESTRO

BUSKER EFSTIVAL A CARPINETO ROMANO
 
    

home | editoriale | interviste | primo piano | speciale | riferimenti | privacy | scrivici
Copyright © 2004 05 CONSULTA-FASTMEDIA - Tutti i diritti riservati