Domenica 12 Febbraio 2017  23:06 Questa testata aderisce all'anso  

 NEWS
Cronaca
Attualità
Politica
Economia
Lavoro
Sport

 RUBRICHE
Racconti Brevi
Cultura
Personaggi
Spettacoli
Passeggiando
Curiosità

 FOCUS
Editoriale
Interviste
Primo Piano
Speciale
Foto Gallery
  Lunedì 26 Giugno 2017POLITICA Scrivici 
Domenica 12 Febbraio 2017  23:06
DEMENZA GERMANICA
DEMENZA GERMANICA


Eroismo negato
La Germania da decenni gioca sporco, se ne sono accorti persino gli americani o, meglio, se ne è accorto Trump.

Ci hanno fottuto con l’euro che ha permesso alle loro aziende di non pagare interessi e di vendere a prezzi stracciati le loro merci compreso le loro auto che, pure, sono spesso di fascia alta.

Non contenti, vogliono che accogliamo gli stranieri e facciamo da filtro perché loro dicono di averne bisogno, ma solo se selezionati da noi per loro…

Non solo glieli selezioniamo, ma, nel caso degli agenti Movio e Scatà, gli abbiamo persino fatto il piacere di eliminare l’assassino del mercatino di Berlino, Anis Amri.

Ma il loro eccesso di zelo nel mostrarsi antifascisti (ed amici di Israele, anzitutto) è venuto fuori non appena, a scoppio ritardato, si sono accorti che i due eroi, apprezzati da tutto il mondo, hanno simpatie proibite.

In particolare, proprio l’agente che ha eliminato il terrorista, ha mostrato di apprezzare la figura di Mussolini e dei combattenti della Repubblica Sociale Italiana e, udite udite, di non avere nessuna voglia di celebrare il 25 aprile.

Apriti cielo, le gesta eroiche non possono essere riconosciute a chi non obbedisce al politically correct, i gendarmi del pensiero sono sempre all’erta e poco manca che questi nostri agenti vengano incriminati, magari da quella mostruosità che è il Tribunale dell’Aia, dove si processano per crimini di guerra e contro l’umanità solo quelli che stanno… antipatici a chi domina il mondo, ma non si pensa mai di mettere sotto inchiesta i vari presidenti Usa (Bush, Obama ad es.) per tutte le guerre che hanno scatenato, favorendo, fra l'altro, il terrorismo internazionale.

E così i tedeschi , cattivi per il Tribunale di Norimberga ma buonissimi oggi, vogliono far pagare ai due agenti italiani i loro pensieri anticonformisti.

Che faranno a questo punto il premier Gentiloni, il ministro degli Esteri Alfano, il ministro dell’Interno Minniti?
Faranno finta di niente o daranno invece un prova di dignità nazionale protestando con Berlino e ribadendo la loro gratitudine ai due agenti? Staremo a vedere.
Certo è che il brutto gesto delle autorità tedesche rappresenta l’ennesima dimostrazione di quel disarmo europeo che ha reso inutile, anzi dannosa l’attuale Unione Europea.

Ellezeta

Domenica 12 Febbraio 2017  23:06


Stampa la notizia Invia ad un amico Inserisci commento

Ricerca personalizzata

CASENTINO: CAPOLAVORI A TAVOLA

IL CHIANTI CLASSICO SI AFFACCIA SUL RENO

RINGRAZIA UN DOCENTE

FRANCIA: VINCERÀ IL MONDIALISMO

TORNA IN CITTA’ L’UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE

BUONGIORNO CERAMICA

IN DISCOTECA CON IL SINDACO
 
    

home | editoriale | interviste | primo piano | speciale | riferimenti | privacy | scrivici
Copyright © 2004 05 CONSULTA-FASTMEDIA - Tutti i diritti riservati