Domenica 17 Aprile 2016  14:02 Questa testata aderisce all'anso  

 NEWS
Cronaca
Attualità
Politica
Economia
Lavoro
Sport

 RUBRICHE
Racconti Brevi
Cultura
Personaggi
Spettacoli
Passeggiando
Curiosità

 FOCUS
Editoriale
Interviste
Primo Piano
Speciale
Foto Gallery
  Domenica 25 Agosto 2019ATTUALITà Scrivici 
Domenica 17 Aprile 2016  14:02
SECONDO PONTE SUL FIUME TEVERE
SECONDO PONTE SUL FIUME TEVERE


Opera necessaria, utile se realizzata

SANSEPOLCRO (AREZZO) – Nella sala del consiglio comunale a Palazzo delle Laudi è stato presentato il progetto del secondo ponte sul Tevere che collega la zona Industriale “Alto Tevere ” e via Bartolomeo della Gatta sul tracciato della via comunale nella zona dei Banchetti. Entro l'anno l'appalto, a gennaio 2017 iniziano i primi lavori che saranno ultimati nel giro di 18 mesi.

L’opera è cofinanziata dalla Regione Toscana e dal Comune di Sansepolcro per un importo complessivo di 4milioni di euro. La progettazione dell’opera è stata affidata mediante procedura di gara aperta al raggruppamento temporaneo studio Matildi & Partners di Bologna e Eutecne srl di Perugina. Una curva quasi parabolica che si estende su 144 metri lineari: il secondo ponte sul Tevere.

Presenti all’evento l’assessore della regione Toscana Vincenzo Ceccarelli, il sindaco della Città Daniela Frullani, insieme l’assessore comunale Andrea Cestelli e i tecnici incaricati del progetto che lo hanno illustrato il lavoro con foto e video. Il ponte ha due corsie, una pista ciclabile più l'altra pedonale mentre a lato una di servizio. Dal punto di vista di viabilità, un solo ponte era insufficiente per assorbire flussi di traffico sempre maggiori, quindi, quest’opera infrastrutturale è di estrema importanza per la città –spiega Daniela Frullani- da un ampio respiro, allo stesso tempo un servizio migliore. Il ponte era atteso da anni dalla popolazione della Valtiberina: oggi la possiamo vedere nel progetto cartaceo, i soldi per la realizzazione ci sono e non resta altro che aspettare di vederla edificata.

La nuova viabilità è concepita e sviluppata al fine di realizzare un nuovo percorso alternativo per la città biturgense,, dare attenzione alle opere sulla viabilità sono previste nel piano strutturale nell’ambito della riqualificazione del tessuto urbano, un accesso diretto alla zona industriale migliorando il livello di servizio e sicurezza del sistema infrastrutturale esistente. Si spera che tutto questo porti dei vantaggi a quella disponibilità di risorse dove la Regione Toscana ha riconosciuto l'importanza di quest'opera.

Domenica 17 Aprile 2016  14:02


Stampa la notizia Invia ad un amico Inserisci commento

Ricerca personalizzata

NAPOLEONE ITALIANO E ROMANO

LE GUARDIE ROSSE

RINGRAZIA UN DOCENTE

FRANCIA: VINCERÀ IL MONDIALISMO

LE PIAZZE COLORATE E POLITICAMENTE CORRETTE

NON SONO DIRITTI

BUSKER EFSTIVAL A CARPINETO ROMANO
 
    

home | editoriale | interviste | primo piano | speciale | riferimenti | privacy | scrivici
Copyright © 2004 05 CONSULTA-FASTMEDIA - Tutti i diritti riservati