Domenica 8 Febbraio 2015  23:01 Questa testata aderisce all'anso  

 NEWS
Cronaca
Attualità
Politica
Economia
Lavoro
Sport

 RUBRICHE
Racconti Brevi
Cultura
Personaggi
Spettacoli
Passeggiando
Curiosità

 FOCUS
Editoriale
Interviste
Primo Piano
Speciale
Foto Gallery
  Giovedì 22 Agosto 2019ATTUALITà Scrivici 
Domenica 8 Febbraio 2015  23:01
LAVORI BACINO D'ALBEGNA
LAVORI BACINO D'ALBEGNA


ORBETELLO (Gr) - "Dopo il 2012 ci siamo impegnati a investire sul bacino dell'Albegna 37 milioni" riassume il presidente della Toscana Enrico Rossi. Lo fa davanti ha un centinaio di alluvionati e agricoltori di Albinia e Orbetello, incontrati nel pomeriggio alla polisportiva la Polverosa. Ventidue milioni e 700 mila euro sono risorse regionali, il resto è a carico di Anas e Rfi e serviranno a coprire un po' più della metà dei lavori per lo scolmatore e la cassa di espansione di Campo Regio.

Su trentasette milioni, sette sono opere di ripristino. Lavori tutti conclusi. Il resto sono opere di riduzione del rischio idraulico. Quattro milioni e 750 mila euro serviranno per l'Argine Remoto. "Abbiamo accumulato due mesi di ritardo per la variante urbanistica necessaria prima dell'esproprio. Con i proprietari non è stato possibile infatti trovare un accordo bonario – ripete Rossi –, ma a marzo potremo bandire la gara". Altri tre milioni serviranno all'adeguamento idraulico del Magione-Radicata e del Patrignone, con lavori pronti a partire entro aprile.

"Ci è stato chiesto anche una risagomatura dell'Albegna sopra la Marsiliana – prosegue Rossi – e lo stiamo facendo". La Regione ha messo a disposizione un milione: l'intervento sarà attuato dal Consorzio di bonifica n. 6 Toscana Sud e potrà beneficiare delle deroghe che consentono di cedere pietre e materiale estratto agli appaltatori in cambio di interventi idraulici. "In questo modo – conclude – risparmieremo anche risorse". I lavori partiranno entro febbraio.

L'ultima battuta è sui mancati risarcimenti del Governo agli agricoltori - "è stata fatta un'ingiustizia e sono disposto ad andare con voi a Roma a protestare" – e sulla Tirrenica: "senza un 'autostrada o una strada a quattro corsie – ripete - non ci potrà essere sviluppo per la zona, neppure uno sviluppo ambientalmente compatibile ma solo una decrescita felice solo per chi ha già i soldi. Per questo mi batterò ancora per una strada degna di questo nome".

Domenica 8 Febbraio 2015  23:01


Stampa la notizia Invia ad un amico Inserisci commento

Ricerca personalizzata

NAPOLEONE ITALIANO E ROMANO

LE GUARDIE ROSSE

RINGRAZIA UN DOCENTE

FRANCIA: VINCERÀ IL MONDIALISMO

LE PIAZZE COLORATE E POLITICAMENTE CORRETTE

NON SONO DIRITTI

BUSKER EFSTIVAL A CARPINETO ROMANO
 
    

home | editoriale | interviste | primo piano | speciale | riferimenti | privacy | scrivici
Copyright © 2004 05 CONSULTA-FASTMEDIA - Tutti i diritti riservati