Martedì 15 Dicembre 2009  21:35 Questa testata aderisce all'anso  

 NEWS
Cronaca
Attualità
Politica
Economia
Lavoro
Sport

 RUBRICHE
Racconti Brevi
Cultura
Personaggi
Spettacoli
Passeggiando
Curiosità

 FOCUS
Editoriale
Interviste
Primo Piano
Speciale
Foto Gallery
  Sabato 21 Ottobre 2017CULTURA Scrivici 
Martedì 15 Dicembre 2009  21:35
"BUENOS AIRES CAFE'": IL NUOVO LIBRO FOTOGRAFICO DI LUCIA BALDINI
"BUENOS AIRES CAFE'": IL NUOVO LIBRO FOTOGRAFICO DI LUCIA BALDINI


Giovedì 17 dicembre 2009, ore 20:45. Via Bari 22. Roma in occasione dell'uscita del suo nuovo libro "Buenos Aires Cafè": incontro con la fotografa sangiovannese Lucia Baldini.

Buenos Aires Café. Quattordici ore per attraversare l'Atlantico. Quattordici giorni per attraversare la città. Quattordici chili a testa di bagaglio, pensieri compresi. Ma si può veramente conoscere un luogo che ha per padre il porto e per madre l'emigrazione?

"A prima vista, Buenos Aires sembra una via del Pireo. Un pezzo di Beirut. Cuba. Il Brasile. Qualcosa - molto - di Parigi. A volte Berlino. Forse la vecchia New York, ma, nelle sue architetture più moderne, anche un pezzo di Sidney. Il fantasma di tutti i luoghi visti, e anche di quelli mai visti. Eppure, la faccia che mostra è sempre familiare: pare di riconoscere ogni angolo, perchè in ogni angolo Buenos Aires è lo specchio di un altro luogo. Assomiglia, da lontano: come un ricordo. Senza essere mai fino in fondo. Una città ingorda, che si è mangiata tutte le altre città".

Dalle stesse autrici di Tangomalia un viaggio a quattro mani lungo le strade di Buenos Aires, tra epiche di quartiere, taxi, vecchi caffé, silenzi, naufragi, lune alla rovescia. E, naturalmente, tango.

Lucia Baldini è nata in provincia di Arezzo dove vive e lavora.

Ha fatto parte per quasi due decenni della direzione dell'etichetta discografica Materiali Sonori. Le sue assidue frequentazioni nell'ambito musicale fanno sì che buona parte delle sue prime opere siano divenute un'importante testimonianza della scena underground musicale degli anni Ottanta attraverso mostre, copertine di dischi, manifesti e collaborazioni con testate musicali.

Lavora come fotografa di scena per varie compagnie e festival di teatro e danza. Dal 1990 trova una forte affinità con musicisti e ballerini argentini che propongono lavori legati alla cultura del tango argentino.

Nel 1997 pubblica il libro fotografico 'Giorni di Tango' che diviene il catalogo della mostra omonima.

Entra in contatto con le più interessanti realtà legate al tango argentino in Italia e nel 2001, in collaborazione con la giornalista Michela Fregona, realizza il volume 'Anime Altrove' - luoghi e genti del tango argentino in Italia.

Nel 1996, con lo spettacolo Omaggio a Nijinsky, diretto da Beppe Menegatti, inizia la collaborazione con Carla Fracci. Con una selezione di materiale realizza il calendario 2000 'Lucia Baldini fotografa Carla Fracci'.

Nel 2003 pubblica per la Materiali Sonori il libro fotografico: 'Banda Improvvisa', cinquanta angeli musicanti sospesi su un cielo di note, dove appaiono anche testi di: Sergio Cofferati, Piero Pelù, Gianni Maroccolo, Hector Zazou.

Pubblica nel 2005 i libri: 'Carla Fracci - Immagini 1996 - 2005', una monografia fotografica che testimonia i dieci anni di collaborazione con la Fracci, e 'Tangomalìa' con la collaborazione di Michela Fregona, i due libri divengono anche mostre itineranti.

Inizia l'attività di fotografa di scena nell'ambito del cinema con il regista Carlo Mazzacurati per il film 'La Giusta Distanza', film in concorso alla Festa del Cinema di Roma 2007.

Nel 2007 le viene commissionato dalla casa editrice Sillabe, con la collaborazione della Soprintendenza di Firenze, un libro sui musei fiorentini "Capolavori in bianco e nero" dove racconta l'incontro e l'approccio emotivo del visitatore con l'opera d'arte.

Con la pubblicazione 'Dramma sacro - omaggio al Mantegna' apre un nuovo capitolo di ricerca e sperimentazione dedicato al nudo maschile.

Nel 2008 l'esperienza con la Soprintendenza di Firenze e la casa editrice Sillabe si consolida con il nuovo progetto " all'improvviso i musei a Firenze" mostra e catalogo dove viene creato un parallelismo tra la fotografia contemporanee e la fotografia di inizio 900 avente come tema comune i musei a Firenze.

E' appena uscito per l'editore Postcart, il libro fotografico" Buenos Aires cafe" diario di viaggio costruito tra immagini e parole a quattro mani con Michela Fregona. Conduce da alcuni anni laboratori e seminari sulla fotografia di spettacolo in scuole di fotografia e corsi universitari.

Inizia nel 1982 la sua carriera espositiva proponendo varie personali dedicate alla musica, alla danza, al ritratto e alla ricerca. Sue opere fanno parte di collezioni private italiane ed estere. www.luciabaldini.it

Martedì 15 Dicembre 2009  21:35


Stampa la notizia Invia ad un amico Inserisci commento

Ricerca personalizzata

AUTUMNIA 2017

PREMIO FUCINI A MONTEROTONDO MARITTIMO

RINGRAZIA UN DOCENTE

FRANCIA: VINCERÀ IL MONDIALISMO

TORNA IN CITTA’ L’UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE

30 SETTEMBRE 2017: COMMEMORAZIONI A NOLI E FIDENZA

BUSKER EFSTIVAL A CARPINETO ROMANO
 
    

home | editoriale | interviste | primo piano | speciale | riferimenti | privacy | scrivici
Copyright © 2004 05 CONSULTA-FASTMEDIA - Tutti i diritti riservati