Venerdì 29 Settembre 2017  23:14 Questa testata aderisce all'anso  

 NEWS
Cronaca
Attualità
Politica
Economia
Lavoro
Sport

 RUBRICHE
Racconti Brevi
Cultura
Personaggi
Spettacoli
Passeggiando
Curiosità

 FOCUS
Editoriale
Interviste
Primo Piano
Speciale
Foto Gallery
  Sabato 21 Ottobre 2017POLITICA Scrivici 
Venerdì 29 Settembre 2017  23:14

30 SETTEMBRE 2017: COMMEMORAZIONI A NOLI E FIDENZA

30 SETTEMBRE 2017: COMMEMORAZIONI A NOLI E FIDENZA

Sarà ricordato questo 30 settembre 2017, perché, in un periodo in cui i killer della memoria storica si stanno adoprando per togliere la parola a chi non crede alla storia bugiarda raccontata dai vincitori, riemergono, con la prepotenza buona delle grandi verità storiche, episodi e personaggi della storia recente che i Fiano e le Boldrini, insieme ai soliti antifascisti di complemento, vorrebbero cancellare perché le generazioni odierne non sappiano mai la verità.

Ed invece, oggi 30.09.2017, a quel 1945 immaginario, ma in realtà soprattutto sanguinario, si contrappone il 1945 vero: quello delle stragi raccontate da Pisanò e Pansa, quello degli assassini di Giuseppina Ghersi che, nel 1945, a 13 anni, scriveva a scuola temi sul Duce e che dopo il 25 aprile 1945 venne catturata dai partigiani, violentata e torturata per 5 giorni, per essere poi finita il 30 aprile con un colpo di pistola.

Il Comune di Noli, oggi, la ricorderà con una targa e sarà così fatta un po’ di giustizia a nome non solo della bambina straziata ed uccisa, ma anche a nome di tutti i patrioti assassinati per mano di chi era salito sul carro dei vincitori, cioè gli occupanti franco-anglo-americani.

LUIGI GORRINI: IL GRANDE AVIATORE FASCISTA

Mentre a Noli si rinnoverà il dolore per uno dei crimini più efferati compiuto dai partigiani, a Fidenza, governata dal PD, sarà un giorno di giusta festa per ricordare un asso dell’aviazione, un eroe della seconda guerra mondiale che ha combattuto per l’Italia fino all’ultimo nelle file della Repubblica Sociale Italiana. Un monumento (il “suo” Aermacchi 326) ricorderà per sempre, a Fidenza, le sue imprese e quelle dell’Aviazione Italiana.

Le sue azioni sono ormai leggendarie ed a Fidenza si ricordano che il comandante Gorrini, abbattendo gli aerei nemici angloamericani, non solo difendeva l’onore d’Italia, ma salvava vite umane dalla morte arrecata dalle bombe degli occupanti, quelli che, poi, vergognosamente e servilmente, sono stati chiamati liberatori…

Luigi Gorrini non ha mai tradito ed è morto stimato da tutti nel 2014.

DUE ITALIANI: UNA BAMBINA MARTIRE ED UN EROE

Giuseppina Ghersi, Luigi Gorrini, martire lei eroe lui, ricordati grazie a due sindaci coraggiosi, contribuiranno a dar voce a chi vuol far luce sulla vera storia dell’Italia della II guerra mondiale e del dopoguerra, alla faccia dei Fiano e delle Boldrini che vorrebbero oscurare la verità, mettendo in galera chi osa pretendere libertà di parola e di ricerca storica.

Ellezeta
Stampa la notizia Invia ad un amico Inserisci commento

Altri editoriali


PREMIO SAVERIO TUTINO

GIOSTRA DEL SARACINO A SARTEANO

PALIO DI SAN CASSIANO

L'APEFIORA PER I TURISTI

GIOSTRA DEL SARACINO A SARTEANO

BUONGIORNO CERAMICA

CAMMINATA SULLA LINEA GOTICA
Ricerca personalizzata

AUTUMNIA 2017

PREMIO FUCINI A MONTEROTONDO MARITTIMO

RINGRAZIA UN DOCENTE

FRANCIA: VINCERÀ IL MONDIALISMO

TORNA IN CITTA’ L’UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE

30 SETTEMBRE 2017: COMMEMORAZIONI A NOLI E FIDENZA

BUSKER EFSTIVAL A CARPINETO ROMANO
    

home | editoriale | interviste | primo piano | speciale | riferimenti | privacy | scrivici
Copyright © 2004 05 CONSULTA-FASTMEDIA - Tutti i diritti riservati